Archivio per il Tag ‘chrysler’

Fiat, cessione della quota in Sevel Nord a PSA

13/7/12 • 52 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

La fine dell’alleanza Fiat-PSA per la produzione di monovolumi con cessione del 50% a PSA a fine anno, l’alleanza continuerà sino al 2016 e per tale data Fiat avrà sicuramente realizzato un’alternativa al Fiat Scudo visto che Fiat Ulysse e Lancia Phedra sono già stati sostituiti da Freemont e Voyager.

Dodge Dart, la berlina Alfa con il passaporto americano

18/5/12 • 27 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

La Dodge Dart è il primo frutto della collaborazione congiunta Fiat-Chrysler. E’ la prima auto ad essere basata sul pianale C-US-Wide che sarà utilizzato da moltissime auto sia Fiat che Chrysler realizzando enormi economie di scala, oltre, e non bisogna sottovalutarlo, a rientrare nel segmento C berlina nel quale Chrysler era assente dopo la poco apprezzata Neon.

Se Marchionne avesse venduto l’Alfa a Volkswagen

11/5/12 • 21 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

Sicuramente avremmo una gamma completa, ma nei segmenti D ed E probabilmente avremmo più delle “Alfasud” che delle vere Alfa, ottime per carità ma pur sempre un incrocio tra una Subaru e un’Audi con la trazione posteriore e motori boxer in comune con Porsche.

Bilancio 2011 FiatChrysler

20/4/12 • 34 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

Bilancio 2011 Fiat con le considerazioni sull’andamento del 2011 con l’analisi delle spese sostenute per la salita in Chrysler e le previsioni per il 2012. VI è poi la possibilità della vendita Alfa a Volkswagen in cambio del 20% di Suzuki e le mosse di Exor in vista della fusione con Chrysler.

Chrysler, un’opportunità mancata per Volkswagen

06/4/12 • 2 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

Chrysler sarebbe potuta essere un’ottima opportunità per volkswagen che avrebbe potuto sfruttare un ulteriore aumento delle economie di scala sia per piattaforme, cambi e soprattutto motori dato che Chrysler aveva in sviluppo il V6 Pentastar e ha elevati volumi dei vari motori V8 Chrysler. Da non dimenticare come acquisendo Chrysler Volkswagen avrebbe messo in seria difficoltà Fiat, non a caso i conti del 2011 di Fiat sono buoni solo grazie a Chrysler. Fiat avrebbe perciò venduto a Volkswagen anche Alfa Romeo.

Piano quinquennale Chrysler per il segmento E

14/3/12 • 7 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

photo credit: 1968 Dodge Charger R/T Articolo del novembre 2009 presente in originale nel gruppo Hainz di google. Ritorno a parlare del segmento D in quanto…

Piano quinquennale Chrysler

09/3/12 • 0 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

L’analisi del piano quinquennale Chrysler del novembre 2009 con le condivisioni con Fiat sia in termini di prodotto che di motorizzazione.

Fiat punta al 100% di Chrysler

01/2/12 • 13 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

Da luglio 2012 ogni 6 mesi Fiat acquisterà il 3,32% di Chrysler ad un valore pari ad un multiplo dell’ebitda di Chrysler nei precedenti 4 trimestri al quale viene sottratto l’indebitamento netto industriale. Il multiplo è il rapporto tra l’equity value e l’ebitda di Fiat degli ultimi 4 trimestri.

Fattori E ed F: economie di scala e produzione a farfalla

25/1/12 • 7 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

La nuova Dodge Dart con le sue linee aggressive piacerà negli USA e convincerà molti clienti, ciò permetterà a Fiat di avere ottime economie di scala dato che, secondo le mie stime, potrebbe raddoppiare la produzione del 2012 di Bravo, Delta e Guilietta. L’altro fattore è l’F di “produzione a farfalla” inaugurata a Pomigliano d’Arco per la Panda che permette di realizzare auto diverse sulla medesima linea produttiva.

Bilancio 2010 Fiat e strategie di Marchionne

23/1/12 • 3 commenti • pubblicato da Enzo Ceroni

La divisione di Fiat in FIat s.p.a. e Fiat Industrial effettuata da Marchionne ha permesso di lasciare maggiore liquidità in Fiat auto e di caricare la Fiat industriale di debiti ma che dispone di una maggior capacità di ottenere prestiti a tassi più vantaggiosi.
Nel 2011 Fiat “auto” sostiene il lancio di nuovi modelli (molti nati dalla collaborazione) e lo sviluppo di nuovi motori e auto nel Mondo, ma riesce anche ad ottenere il 100% dello stabilimento Fiat-GM di Biesko-Biala e il 50% di VM Motori. Ma Marchionne può sbagliare (nessuno è perfetto) così come è avvenuto in Cina sia con i partner che con lo spostamento delle vecchie linee produttive nel Sol levante.